Ripensare la politica alla luce della fraternità

È più che mai il tempo di prendere coscienza che se le differenze diventano sempre più motivo di divisione, allora significa che sta prevalendo quello spirito del mondo il cui egoismo abbruttisce le coscienze e fomenta la separazione anziché la legittima distinzione delle differenze. Per sanare tale contrasto quindi è indispensabile che avvenga un nuovo riconoscimento del legame di reciproca appartenenza e responsabilità che lega tutti i diversi soggetti politici tra di loro ed essi con i cittadini proprio perché è unicamente in questa reciprocità che si può costruire veramente il bene delle nostre comunità e quello ....continua a leggere --->

Rimanere nell’amore

Affinché si attui la reciproca comunione, bisogna “rimanere” in un amore attivo, dinamico, creativo. Dobbiamo amarci gli uni gli altri, pronti a dare la vita, pronti a condividere i propri beni con tutti coloro che ne hanno bisogno. Si tratta di un annuncio forte e chiaro anche oggi per noi, che alle volte ci sentiamo sorpassati dagli avvenimenti imprevedibili e difficilmente controllabili, come la pandemia e altre tragedie personali o collettive. Ci sentiamo sperduti e spaventati poiché è forte la tentazione di chiuderci in noi stessi, di alzare dei muri per proteggerci da coloro che sembrano minacciare le nostre ....continua a leggere --->

Ciò che risana i rapporti

Perdonare per raggiungere la serenità del cuore
Come sembra difficile tante volte perdonare! Eppure, il perdono è lo strumento posto nelle nostre fragili mani per raggiungere la serenità del cuore. Lasciar cadere il rancore, la rabbia, la violenza e la vendetta sono condizioni necessarie per vivere felici.
Papa Francesco

«…siamo passati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli».
Questa ....continua a leggere --->

Partiti malmessi – Da dove ripartire

…la cornice europea è il quadro entro cui le forze politiche devono ormai collocarsi e in cui dovrebbe svolgersi la loro dialettica, pena altrimenti l’irrilevanza. E poi servirebbe almeno che si desse finalmente completa attuazione al dettato dell’art. 49 della Costituzione, laddove questo esige un ordinamento interno democratico ai partiti. Non basta declinare la democraticità dei partiti in termini di trasparenza. Occorrono norme prescrittive per assicurare il coinvolgimento determinante degli iscritti nei passaggi essenziali (candidature comprese) della vita dei partiti. Si tratta di un’urgenza cronica e tuttavia ....continua a leggere --->