Dialogare vuol dire essere disarmati

Penso che il dialogo sia una scelta di vita che racchiude la capacità di aprirsi all’altro, non uno scambio intellettuale di principi limitato a pochi e quindi selettivo.
Pongo l’accento su l’altro, perché proprio con chi è diverso da noi il dialogo è più impegnativo e vero.
Spesso l’incapacità di far propria l’esperienza altrui, la mancanza di scoprire nell’altro il meglio, genera dibattiti interminabili ed inutili che portano all’incomprensione e ad un inevitabile scontro, senza ascolto, ma con la ....continua a leggere --->

Secondo e terzo motivo per cui voterò “SÌ” e un auspicio

SECONDO MOTIVO PER CUI VOTERÒ SÌ
La consapevolezza che la alternativa non è tra questa riforma, pur parziale, e la difesa della costituzione, ma tra questa riforma e l’assetto esistente che è la manipolazione delle istituzioni rappresentative da parte di partiti privi di consistenza democratica. Per poter avviare quindi quel cambiamento da tutti sempre più auspicato è fondamentale perciò essere sempre più convinti che finché non si ripensa il ruolo stesso dei partiti, portando così a compimento l’art. 49 della Costituzione, molto difficilmente sarà veramente possibile ....continua a leggere --->

PRIMO MOTIVO PER CUI VOTERÒ SÌ

Fatte le due importanti premesse adesso cerco di dire perché io voterò “SÌ”. Tra le motivazioni di chi è contrario vi è la preoccupazione che la riduzione non garantirebbe il pluralismo e l’attenzione alle minoranze non solo in Parlamento e all’interno dei Gruppi, ma anche la stessa rappresentanza in esso delle differenti forze politiche. Molto bello. Ma ciò premesso, tuttavia, su almeno quattro elementi inviterei a riflettere.
1) E dal 1983 che il Parlamento italiano si sta impegnando a ridurre il numero dei parlamentari. Si sono susseguiti ben sette tentativi, tutti abortiti. Ciò vuol dire che il numero di 950 viene ritenuto da circa ....continua a leggere --->

Perché voterò costruttivamente “SÌ”

PRIMA PREMESSA
Riguardo al referendum sul taglio dei parlamentari ritengo molto importante prima di esprimere alcune motivazioni per cui voterò “SÌ” fare due premesse. Innanzitutto è assolutamente fisiologico che – dinnanzi ad un quesito referendario che non lascia alternative fra un SI ed un NO – ciascuno motivi in maniera differente le ragioni della propria posizione. Come sempre, poiché in politica non esistono “verità assolute” ma soltanto “verità parziali”, è chiaro che in entrambe le posizioni di favorevoli e contrari sussistono sia alcuni elementi che hanno ....continua a leggere --->