Per una politica di comunione

Il 9 giugno 2000 si tenne un Congresso Internazionale nel quale Chiara – davanti a molte personalità, autorità istituzionali, politici e parlamentari di differenti appartenenze (molti italiani con significative rappresentanze provenienti dall’Europa e anche da altri continenti) – lanciò la politica di comunione: cioè attraverso la fraternità vissuta realizzare quell’unità nella diversità anche tra le divisioni e le difficoltà del lavoro politico. Ho avuto la grandissima fortuna di vivere quello storico momento e di aver potuto così cogliere in quello straordinario clima che quanto Chiara andava proponendo ....continua a leggere --->