ESSERE MINORANZE PROFETICHE

Maria Voce in un suo intervento a cui erano presenti oltre mille persone, tra loro ambasciatori e rappresentanti del corpo diplomatico presso la Santa Sede e presso lo Stato italiano da 20 Paesi, ha detto che: «Non possiamo negare che ci riesce più facile erigere barriere, pensando magari che possano difenderci, invece di operare per costruire l’unità nelle relazioni, tra le idee, in politica, nell’economia, tra visioni religiose. E la pace sfugge, si allontana. (…) L’impegno per la pace è difficile da realizzare se non si è pronti a perdere certezze e comodità, avventurandosi verso strade nuove, inesplorate; diventando creativi senza ....continua a leggere --->

L’inevitabile fatica di crescere insieme

Avevo visto personalmente con quale entusiasmo un gruppo di ragazzi stavano dipingendo il murales di un giovane profugo afgano e successivamente quando sono ripassato ho costatato con amarezza che esso era stato deturpato: un gesto davvero deplorevole.

Si può avere infatti legittimamente punti di vista differenti ed è fondamentale che essi vengano espressi mediante un leale confronto, ma non è in nessun modo giustificabile l’atteggiamento di chi, nascondendosi nell’oscurità della notte, si accanisce contro coloro che, alla luce del sole, hanno voluto esprimere anche con la fatica del loro impegno ciò in cui ....continua a leggere --->

La fraternità si realizza soltanto con un amore speciale *

[…] La fraternità si realizza soltanto con un amore speciale. E’ un amore che va diretto a tutti, come Dio Padre che manda la pioggia e il sole sui cattivi e sui buoni. Non e un amore che va diretto unicamente, solamente ai parenti, agli amici, a qualche persona, ma va diretto a tutti, e questa e già una ginnastica. Se noi portassimo via da questa sala soltanto il proposito di amare tutte le persone che incontrerò, possibilmente, se cristiani, vedendo Cristo in esse – perchè Lui dirà: “L’hai fatto a me”, “L’hai fatto a me”, “L’hai fatto a me”-, secondo me avremmo già fatto un grande guadagno, perchè da qui ....continua a leggere --->

Non muri ma ponti

Nel post pubblicato il 9 marzo 2016 dal titolo “Mettere a punto stili di vita coerenti” avevo presentato l’iniziativa di quattro sacerdoti bergamaschi e condiviso la lettera che essi hanno scritto per spiegare il loro fortemente provocatorio gesto. Mercoledì scorso, 6 aprile 2016, insieme ad altri 4 amici siamo andati a incontrarli (erano presenti in due) per capire meglio le finalità e i possibili sviluppi: essi infatti hanno deciso di continuare l’iniziativa, intrapresa in occasione della quaresima, per richiamare l’attenzione riguardo al gravissimo dramma degli ....continua a leggere --->