L’inevitabile fatica di crescere insieme

Avevo visto personalmente con quale entusiasmo un gruppo di ragazzi stavano dipingendo il murales di un giovane profugo afgano e successivamente quando sono ripassato ho costatato con amarezza che esso era stato deturpato: un gesto davvero deplorevole.

Si può avere infatti legittimamente punti di vista differenti ed è fondamentale che essi vengano espressi mediante un leale confronto, ma non è in nessun modo giustificabile l’atteggiamento di chi, nascondendosi nell’oscurità della notte, si accanisce contro coloro che, alla luce del sole, hanno voluto esprimere anche con la fatica del loro impegno ciò in cui ....continua a leggere --->