Nuova voglia di politica?

 «Il miracolo economico e civile dell’Italia e dell’Europa del dopoguerra fu anche il frutto di una classe politica composta, in genere, da persone di alta qualità morale perché l’impegno politico e nelle istituzioni “segnalava” duro lavoro e sacrifici in Paesi distrutti e da ricostruire. Col passare del tempo i partiti e in generale le classi dirigenti occidentali (sindacati, associazioni di categoria…) si sono eccessivamente e inevitabilmente “istituzionalizzati”, perdendo così molta della loro capacità di vera innovazione civile, e con essa la capacità di selezionare autentiche vocazioni.
Ancora oggi molte delle persone ....continua a leggere --->

Dylan: per sempre giovane

Un omaggio al neo premio Nobel. La (libera) traduzione dei versi di una delle sue più famose canzoni. Una di quelle che fa venire i brividi alla pelle e rende il cuore leggero.

Nel 1974 usciva l’album Planet Waves di Bob Dylan, con la canzone Forever Young (per sempre giovane). Una canzone che ha fatto storia, come tante del cantautore americano ora Nobel della Letteratura. Una canzone che è un inno alla vita, nella quale si sente la potenza del bagaglio biblico-ebraico che Dylan si è sempre portato dietro. È una canzone dal testo ispirato, bellissimo, che fa venire i ....continua a leggere --->

Oggi l’ONU compie 68 anni

È più che mai opportuno evidenziare che oggi l’Organizzazione delle Nazioni Unite compie 68 anni e per ricordare questo importante evento è certamente molto significativo riproporre il sempre attuale intervento che Chiara Lubich tenne in quella sede il 28 maggio 1997 dall’eloquente titolo Verso l’Unità delle Nazioni e l’Unità dei Popoli, nel quale afferma che: “Per questa spiritualità (quella generata dal carisma dell’unità) …sentiamo di dover portare il nostro contributo anche qui, in questa “casa” di incontro fra i ....continua a leggere --->

Intervista a Luigino Bruni

Con l’intento di alimentare un discernimento comunitario il più possibile ponderato vi invito a leggere questo articolo dell’economista Luigino Bruni, nel quale propone alcune interessanti considerazioni riguardo alla manovra economica che condivido pienamente. Lo propongo perché ciò che afferma lo trovo proprio molto attinente rispetto a quello che stiamo approfondendo in quanto, con responsabile schiettezza, afferma: “Una cosa è certa: non si doveva fare un referendum di questo tenore nel bel mezzo di una manovra economica”. E ....continua a leggere --->