UNA POLITICA DELL’UNITÀ

ChiaraLubich

Siamo sempre più succubi della mentalità del mondo e un soffocante pessimismo ci impedisce di credere che vi sia un nuovo modo di fare politica: si è talmente condizionati infatti da ciò che è destinato a morire che non riusciamo a vedere il nuovo che avanza. Eppure basterebbe purificare un po’ il nostro sguardo per cogliere come la proposta di Chiara di una politica dell’unità ....continua a leggere --->

Il Paese ha bisogno dell’opera di tutti

Ci troviamo sempre più sommersi da una valanga di parole dalle quali emergono troppo spesso giudizi trancianti e tutto ciò rende così impossibile un confronto costruttivo fra diversi. Serve dunque un deciso colpo d’ala che permetta di ritrovare, con sguardo libero, il senso stesso della politica la quale oggi più che mai va vissuta come una delle forme più preziose di carità, proprio perché cerca il bene comune. Al riguardo così Chiara ha affermato con sapienza: cominciamo noi stessi a meditare e a vivere quanto propone in modo da essere lievito per tutti!

«La scelta dell’impegno politico è un atto di ....continua a leggere --->

Rigenerare per legge il ruolo dei partiti

Ho voluto di proposito aspettare ad offrire alcune mie modestissime considerazioni rispetto ai risultati del referendum e ciò a motivo della situazione molto delicata che si è creata la quale esige davvero tanta ponderatezza: adesso infatti è importante impegnarci perché i conflitti si azzerino, il clima si rassereni e tutti si mettano al lavoro per individuare un percorso condiviso che previlegi unicamente il bene del Paese.        Sì, ora più che mai diventa determinante rendere possibile l’unità tra diversi come organizzazioni intermedie rinnovate tra cittadini e istituzioni, lo dice anche il 50° ....continua a leggere --->

Verrà un giorno (Jaques Maritain)

«Verrà un giorno in cui questa grande patria, che è il mondo, ritroverà in buona parte, in mezzo a mali anch’essi nuovi, secondo la legge della storia del mondo, il fine vero per cui è stata creata; un giorno in cui una nuova civiltà darà agli uomini, non certo la felicità perfetta, ma un ordinamento più degno di loro e li renderà più felici sulla terra. Poiché io penso che la meravigliosa pazienza di Dio non sia ancora esaurita».

Jacques Maritain

Fonte: In… visibile (Blog di Tanino Minuta) ....continua a leggere --->