Ciò che va perso è l’idea di bene comune

Anche dopo le motivazioni della sentenza da parte della Corte costituzionale, la quale il 25 gennaio aveva bocciato parti significative del così detto Italicum, rimangono moralmente inaccettabili i capilista bloccati proprio in quanto, come è stato evidenziato, portano a una Camera formata per il 70% di nominati e ciò dunque va contro il libero esercizio democratico.  Così come rimangono altrettanto moralmente inaccettabili le stesse pluricandidature perchè anche se la Corte ha un po’ imbrigliato i giochi – bocciando la possibilità al capolista eletto in più collegi di scegliere dove prendersi il seggio in ....continua a leggere --->