L’opera d’arte più alta

 

 

 

 

…di fronte ad ogni “perché” della vita personale la risposta psicologicamente sana e costruttiva sta sempre nel non recriminare, non analizzare, non ripiegarsi, non disperare, ma nel continuare ad aprirsi, ossia a trascendere se stesso nell’accettare come “doni” anche quei momenti di oscurità, di insicurezza, di solitudine, di irrazionalità o di assurdo ....continua a leggere --->