L’Italia ***

A noi interessa che l’Italia diventi un Paese migliore. Bisogna perciò avere la forza, il coraggio e le idee per rimettere a tema l’Italia nella sua interezza: con la sua storia, il suo carattere, la sua vocazione. L’Italia è un Paese bellissimo, straordinariamente ricco di umanità e paesaggi, ma estremamente fragile: sia nel territorio che nei rapporti socio-politici.
Ai cattolici dico che la politica, come scriveva La Pira, «non è una cosa brutta», ma una missione: è «un impegno di umanità e santità». La politica come affermava Paolo VI, è una delle più alte forme di carità. Papa Francesco ha più volte auspicato la necessità ....continua a leggere --->

La spiritualità dell’unità **

(…) In questo tempo di particolarismi e allentamento dei legami ci può essere la tentazione di andare ciascuno per la propria strada. Isolarsi è una tendenza che (purtroppo è entrata dentro la politica) ma che va allontanata con decisione: un corpo è vivo solo se tutte le membra cooperano tra loro. Nessun membro del corpo può vivere da se stesso. Mi auguro che queste affermazioni (possano essere) accolte per quello che intendono essere: un forte richiamo a un maggiore apprezzamento tra (i diversi soggetti ....continua a leggere --->

Un cambiamento d’epoca *

(…) Parlando a Firenze al Convegno ecclesiale nazionale, Papa Francesco ha detto che «oggi non viviamo un’epoca di cambiamento quanto un cambiamento d’epoca». Questo è uno snodo decisivo: il punto di partenza per la riflessione e l’impegno.
Quasi nulla è più come prima. Dobbiamo assumere la piena consapevolezza che stiamo vivendo in un mondo profondamente cambiato, in un’Italia molto diversa rispetto al passato e con una Chiesa sempre più globale. In questa nuova realtà, sorgono nuove sfide e nuove domande a cui bisogna fornire, senza paura e con coraggio, delle risposte altrettanto nuove.
Oggi viviamo in una società ....continua a leggere --->

POLITICI CAPACI DI TENERE INSIEME LA MOLTEPLICITÀ

È sempre più evidente l’imporsi in politica di giovani la cui personalità è connotata dall’eccessiva considerazione ed esaltazione di sé stessi i quali, è importante sottolinearlo, trovano il consenso in quanto esprimono quella cultura individualista e narcisista in cui noi stessi siamo immersi. Quando perciò comprenderemo una buona volta che appoggiare questo rancoroso agire politico alimenta laceranti divisioni, le quali impediscono così la ricerca condivisa del bene comune? Occorre infatti attuare il tanto auspicato cambiamento cominciando per primi a vivere fra noi la reciprocità, cioè l’unità nella distinzione, in modo così da esprimere ....continua a leggere --->