Attenti al pettegolezzo perché poi non si può più rimediare

Vedendo ancor più oggi l’eccessivo sparlare che si fa e anche la malignità con cui cerca di screditare gli altri senza rendersi conto di quanto ciò spesso faccia molto male, può essere di grande aiuto riflettere con molta attenzione su questo episodio raccontato da Filippo Neri, il cui esempio di amore smisurato verso il prossimo continua ad essere una scia di luce anche per tutti noi: quanto abbiamo bisogno infatti, anche tra gli stessi politici, di stare molto attenti al pettegolezzo, al parlar male degli altri, perché esso fa danni così gravi che spesso poi non è più possibile rimediare.                    ....continua a leggere --->

Amare è tutto!

Con un gruppo di persone impegnate in ambiti diversi stiamo provando a ripensare la politica con la finalità di andare verso pensiero plurale condiviso proprio perché la sua vocazione, oggi più che mai, è quella di raccogliere tutti nell’unità di un disegno comune. Animato da ciò recentemente ho cercato di fare tutta la mia parte per rendere possibile il dialogo tra il sindaco e la minoranza con i quali sono in amicizia in occasione del consiglio comunale che si teneva in videoconferenza, ma purtroppo tra di loro ha prevalso la conflittualità.
Dopo alcuni giorni in cui andavo ....continua a leggere --->

Che cos’è l’unità?

Questo pensiero assume oggi un’attualità ancora molto più grande.

“Che cos’è l’unità? Si dice, e da un po’ di tempo… che l’unità è un segno dei tempi che vuol dire un’indicazione dall’alto per l’umanità di oggi (…). Ma oggi dopo quanto è avvenuto (l’attentato dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle) io non posso più dire che l’unità è soltanto un segno dei tempi, essa è pure un’esigenza improrogabile che si fa strada qua e là sul nostro pianeta, incomincia a farsi strada, ma in un domani dilagherà come unica possibilità di sopravvivenza. Perché ....continua a leggere --->

Ripartire con un altro sguardo e con un altro ritmo

Ora che lentamente cominciamo a riprendere un po’ nella nostra normalità diventa molto importante – tenendo continuamente in cuore le lacrime, la sofferenza, i lutti a causa del coronavirus – cercare di provare a considerare questa specie di notte non cercata e non voluta che abbiamo vissuto come una occasione d’oro per dare nuovo slancio a quello spirito comunitario che sempre più deve permeare la nostra convivenza. È in questo senso che è andata maturando la riflessione oggi proposta dal significativo titolo: ....continua a leggere --->