2° Riforma della legge elettorale (6)

In riferimento alla responsabilità politica individuale è sempre più determinante mettere mano anche al sistema elettorale perché influisce notevolmente sulla credibilità dello stesso parlamento in quanto esso è ormai composto più da nominati che eletti: il potere di cooptazione infatti (capilista e listini bloccati, candidature multiple), introdotto per aggirare la volontà popolare, è una immensa irresponsabilità che dovrebbe far tremare le vene e i polsi se fosse realmente compreso.
Al contrario, si resta attoniti dinanzi alla leggerezza incosciente con cui esso viene esercitato: la legge elettorale infatti deve garantire la governabilità, prevedendo anche norme chiare per la formazione delle coalizioni (se non ci fossero le condizioni per attuare il sistema maggioritario) e allo stesso tempo rendere possibile il riannodare dei rapporti fra tutti i soggetti del processo democratico e tornare così a consolidare una convivenza sociale in cui le diversità e i differenti ruoli si armonizzino all’interno di un progetto comune.
Per questo dunque bisogna urgentemente ripensare le regole del gioco in modo da concorrere a far emergere politici capaci di avere il cuore in testa e il cervello in petto. Così potranno pensare con saggezza e agire con amore.

Continua

NB) La riflessione “La fraternità ricostruisce l’insieme del disegno politico” è composta da questi 8 capitoli che verranno postati uno alla volta:

Agire nell’interesse esclusivo della nazione (1)
Un leader non divide: unisce! (2)
Non “contratti” ma progetti politici condivisi (3)
Il declino del sistema partitico (4)
1° Riforma dei partiti politici (5)
2° Riforma della legge elettorale (6)
Un impegno che ci deve mobilitare tutti (7)
Protagonisti di fraternità (8)

Al termine essa verrà allegata integralmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*