La spiritualità dell’unità è una spiritualità collettiva (Ultimo)

Di fronte a queste esigenze così elevate dell’amore politico, qualcuno può pensare che solo pochi eroi siano in grado di soddisfarle, e che l’amore non sia cosa attuabile dai più, nella politica quotidiana. Fermo restando che l’eroicità non è, di per sé, cosa per pochi, ma è invece la vera misura – anche se spesso nascosta – di ciascuno, è proprio su questo punto che viene in evidenza una caratteristica del Movimento Politico per l’Unità: non si pensa mai al politico come ad un individuo isolato, ma come qualcuno che sia espressione di una comunità e che diventi, a sua volta, costruttore di comunità. La spiritualità dell’unità, infatti, è spiritualità collettiva, nella quale si va avanti solo insieme: l’accento non è messo tanto nella ricerca della perfezione individuale, quanto, piuttosto, nella ricerca di amare gli altri sempre più perfettamente. È nella fraternità che realizziamo prima di tutto fra di noi, che troviamo la forza di agire. Questa caratteristica comunitaria è determinante in politica, la quale sviluppa, appunto, azioni collettive, si basa sul consenso e sul confronto, tende al bene comune e agisce nella dimensione pubblica.

Testo integrale “L’arte di amare e il politico dell’unità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*