Per incoraggiare a leggere l’Enciclica “Fratelli tutti”

è molto difficile progettare qualcosa di grande a lungo termine
se non si ottiene che diventi un sogno collettivo

Ho letto l’Enciclica “Fratelli tutti” la quale, nel suo complesso, ha un incidenza notevole sul pensiero politico, perché la fraternità universale attraversa orizzontalmente tutti gli ambiti del discorso pubblico. Per incoraggiare tutti a leggere (meditare) l’intero Documento e di favorire l’attuazione di quell’agire politico fraterno delineato da Papa Francesco, condivido con voi questo scritto “Un piccolo vademecum per la migliore politica” in cui ho cercato di mettere in rilievo alcuni suoi spunti nei quali il tema socio-politico balza in modo esplicito in evidenza ed esso vuole essere concretamente proprio un piccolo contributo che accompagni e sostenga quanti sono impegnati nel loro quotidiano agire.

“Un essere umano è fatto in modo tale che non si realizza, non si sviluppa e non può trovare la propria pienezza «se non attraverso un dono sincero di sé». (87)
Dall’intimo di ogni cuore, l’amore crea legami e allarga l’esistenza quando fa uscire la persona da sé stessa verso l’altro. Siamo fatti per l’amore e c’è in ognuno di noi «una specie di legge di “estasi”: uscire da se stessi per trovare negli altri un accrescimento di essere». (88)
La nostra relazione, se è sana e autentica, ci apre agli altri che ci fanno crescere e ci arricchiscono” . (89) *

* Dal capitolo terzo dell’Enciclica Fratelli tutti: Pensare e generare un mondo aperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*