L’augurio per il 2021: ravvivare i rapporti con tutti

Pensando a quali auguri scambiarci all’inizio di questo nuovo anno mi sono trovato inaspettatamente a rileggere ciò che nel 2009 ha scritto il mio grande amico Piero Platto e ho trovato il suo lungimirante pensiero davvero provvidenziale: “Dal rancore alla concordia”. Egli fa una lucida quanto dolorosa analisi delle cause per cui il rancore è evoluto in risentimento diffuso fino ad affermare che chi è sradicato sradica e quindi come la patologia del legame avanza.
Tutto ciò porta Piero a chiedersi: “Che fare qui ed ora? Come agire da “stelle che mangiano il buio della notte”? E da uomo illuminato qual è traccia un percorso da attuare coraggiosamente molto ardito che mi è impossibile sintetizzare, invito a leggerlo così come lui lo ha scritto, ma di cui mi limito a riportare le due affermazioni conclusive veramente essenziali: “Occorre tornare a declinare il noi” e “Rapporti, rapporti, costruire rapporti”.
Quanto oggi ciò appare particolarmente profetico in quanto la stessa pandemia, obbligandoci al distanziamento fisico, ci sta facendo riscoprire paradossalmente proprio l’importanza vitale dei rapporti interpersonali e sociali. Allora nel dirgli grazie per questo prezioso dono raccogliamo dunque ancor più l’intenso invito di Piero e facciamolo diventare l’impegnativo augurio da scambiarci reciprocamente all’inizio di questo nuovo anno, certi che egli dal Cielo sosterrà il nostro agire così che si arrivi davvero a sperimentare fra tutti rapporti di concordia, di comunione, di unità a beneficio delle nostre Comunità, del Paese, della stessa Umanità.

AUGURO DUNQUE CHE IL 2021
SIA UN ANNO SPECIALE NELL’AMORE FRATERNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*