Partiti malmessi – Da dove ripartire

…la cornice europea è il quadro entro cui le forze politiche devono ormai collocarsi e in cui dovrebbe svolgersi la loro dialettica, pena altrimenti l’irrilevanza. E poi servirebbe almeno che si desse finalmente completa attuazione al dettato dell’art. 49 della Costituzione, laddove questo esige un ordinamento interno democratico ai partiti. Non basta declinare la democraticità dei partiti in termini di trasparenza. Occorrono norme prescrittive per assicurare il coinvolgimento determinante degli iscritti nei passaggi essenziali (candidature comprese) della vita dei partiti. Si tratta di un’urgenza cronica e tuttavia i partiti nicchiano e confermano l’incapacità totale di seria autoriforma. Gioverebbe – credo – l’impulso autorevole ed energico di un messaggio del presidente della Repubblica perché questa riforma venisse finalmente approvata. Oppure un atto di coraggio del cosiddetto Governo dei migliori: ne sarà capace o sarà l’ennesima tutela di comodo per partiti ormai rassegnati alla loro ben remunerata inutilità?

Prof. Filippo Pizzolato

* Per leggere l’intero articolo cliccare qui: Partiti malmessi – Da dove ripartire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*