In corsa con Giacomo

Oggi desidero donarvi l’esperienza di un grande amico Giacomo Mignani che ho avuto la fortuna di incontrare in più occasioni e ogni volta era una festa perché il suo volto luminoso e la sua semplice ma contagiosa gioia mi riempiva di felicità e quando dovevo riprendere il viaggio di ritorno mi accorgevo che ero cambiato dentro e succedeva così tutte le volte.

Anche se è trascorso ormai un po’ di tempo ricordo, per esempio, quella volta che dovendo andare a Loppiano per un incontro di due giorni con altri amici e non essendoci più posto per dormire Giacomo – ormai avanti con gli anni e senza la sua amata Dina morta a causa di una malattia associata a una quasi completa cecità, durata 4 anni -, ci ha ospitato nella sua casa dimostrando ancora una volta il suo immenso cuore e la cui pronta, concreta accoglienza e generosa disponibilità ti lasciava senza fiato.

Al mattino svegliandoci, con grande commozione nostra, abbiamo visto che la colazione era già preparata: lui così anziano si era alzato prima, perché noi trovassimo tutto pronto e ci aspettava con il suo più bel sorriso. Lì ho capito cosa significa davvero amare per primo.

Sono certo che lascerà anche in ciascuno di voi la sua indomita voglia di esistere, nel senso più bello e intenso del termine, e di amare ciascuno che ci passa accanto. Non è forse di questo ciò di cui si sente un immenso bisogno anche nello stesso agire politico?

http://www.focolare.org/it/news/2012/12/09/in-corsa-con-giacomo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*