Queste elezioni politiche sono molto impegnative per tutti

La gravissima situazione che sta attraversando l’Italia è dovuta, oltre che da fattori internazionali, al fatto che da troppo tempo ormai la classe politica non è più capace di rigenerarsi e ciò ha di fatto esposto l’azione di governo ad una penalizzante instabilità: bisogna allora che ciò si tenga in grande considerazione se non si vuole che le conseguenze diventino ancora più drammatiche.

L’unità nella diversità che ci deve caratterizzare è molto esigente e quindi non va confusa come una specie di accettazione passiva degli atteggiamenti negativi che le diverse parti politiche hanno assunto, le cui responsabilità però non sono tutte uguali, in quanto la fraternità universale alcuni pensano che sia una forma mascherata di buonismo, un generico embrassons-nous. Ma non è così. Essa è innanzitutto ricerca della verità e sete di giustizia”.

Per queste ragioni dunque non possiamo rimanere indifferenti per il quieto vivere, comportarci soltanto come degli ultras della propria squadra o ancora rifiutarsi a priori di andare a votare convinti che tanto non cambierà nulla e ciò se non si vuole, anche inconsciamente, continuare ad essere complici del degrado etico/politico in cui siamo immersi fino al collo. In questo senso dunque sarebbe imperdonabile credere, senza ponderare con grande consapevolezza, ancora una volta alle ennesime promesse di chi finora le ha irresponsabilmente disattese e ciò perché le conseguenze sarebbero devastanti per tutti: per questo adesso serve un forte risveglio delle coscienze.

Adesso più che mai infatti come cittadini responsabili del bene del nostro Paese è indispensabile che attuiamo un discernimento personale e comunitario, esaminando i progetti e valutando i programmi, comparandoli; cercare di passare al setaccio le liste (purtroppo ancora “bloccate” dal Porcellum), alla ricerca della prevalenza di presenze di candidati affidabili e dalle storie personali trasparenti, cui affidare i destini del Paese.

Infine sarà fondamentale cercare, per quanto è possibile, di attuare una esperienza consolidata di partecipazione attiva e consapevole che il Movimento politico per l’unità ha sviluppato negli ultimi decenni, mettendo al lavoro insieme i politici e i cittadini: il “patto etico – politico”: è necessario infatti non essere più disposti a dare deleghe in bianco, adesso dobbiamo esigere di essere rappresentati e cioè di poter esercitare la corresponsabilità. Può essere questa anche una preziosa opportunità per dare un prezioso valore aggiunto a quella proposta da me avanzata di dar vita a dei laboratori di fraternità.

1 pensiero su “Queste elezioni politiche sono molto impegnative per tutti

  1. “è necessario infatti non essere più disposti a dare deleghe in bianco, adesso dobbiamo esigere di essere rappresentati e cioè di poter esercitare la corresponsabilità”.
    Concordo! Non è stato possibile ottenere molto in vista di queste elezioni, se non proclami, ora dobbiamo pretendere una maggiore attenzione al territorio da parte dei candidati.
    Dobbiamo però essere altrettanto chiari, non tutte le opzioni politiche sono accettabili e non sono tutti uguali. Il messaggio deve passare, perché l’altra urgenza è quella di non dimenticare l’importanza di partecipare al voto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*