Il Paese si governa soltanto con il contributo di tutti

La campagna elettorale mediatica a cui andiamo assistendo più che ad una competizione in cui vengono valutati i diversi progetti, attraverso i quali i differenti schieramenti politici presentano la propria visione di Paese, assomiglia molto più ad una lotta per spartirsi il bottino (potere). Questo dimostra purtroppo il degrado etico e civile in cui è piombata sempre più la prassi politica e ciò non può preoccupare fino a far rizzare i capelli: come  potremo infatti fidarci di loro se queste sono le premesse?

Quindi se vogliamo invertire la corsa verso l’autodistruzione politica e morale verso cui rischiamo di essere travolti c’è assoluta necessità di una rigenerazione delle coscienze, perché come è stato detto: “In politica come del resto in ogni altra attività, tutto e sempre è questione di coscienza. Non una coscienza a fisarmonica o di fatto latitante nel valutare situazioni e nel prendere decisioni. Ma formata, retta, rigorosa e vigorosa: espressione e baluardo della dignità e della responsabilità umana”. E ancora: “La libertà di coscienza non è regolata da nessun partito né da qualsivoglia altra aggregazione. Essa infatti è il sacrario dell’identità e della responsabilità personale di fronte alla verità e al bene”.

In questo difficilissimo momento dunque serve da parte di noi cittadini, che in quanto tali siamo chiamati anche noi a rendere conto sino in fondo delle nostre scelte, che non diamo retta a certe sirene che cercano di influenzare le nostre decisioni con false promesse (soprattutto se sono già state più volte annunciate e mai attuate!), così come non dobbiamo fidarci di coloro che si presentano (o peggio ancora si ripresentano) come salvatori della patria, di chi viene acclamato soltanto da platee finte di osannanti supporter, di chi si affida ossessionatamente ai sondaggi più che all’ascolto attento degli elettori.

Lo ripeto a me ma desidero ricordarlo anche a voi e cioè che il problema serio non è con chi schierarsi ma SCEGLIERE CON CHI IMPEGNARSI A COSTRUIRE, avendo chiaramente presente che esso sarà credibile se risponderà ad un requisito fondamentale e cioè dimostrare durante l’intera campagna elettorale la capacità di ricercare ad ogni costo il dialogo anche con gli altri contendenti: “Non è forse compito della politica riuscire a comporre in unità, nell’armonia di un solo disegno, la molteplicità, le legittime aspirazioni delle diverse componenti della società? E non dovrebbe forse il politico, per la sua funzione di “mediatore”, eccellere nell’arte del dialogo e dell’immedesimarsi con tutti?” (Chiara Lubich)

È del tutto evidente infatti che un politico saggio è colui che è pienamente consapevole che, se vorrà realmente governare per il bene del Paese, lo potrà fare unicamente con il contributo proprio di tutti: allora sforziamoci di cercare chi più si avvicina a questa irrinunciabile qualità.

3 pensieri su “Il Paese si governa soltanto con il contributo di tutti

    • Bisogna ricordarsi di inserire la somma dei numeri che trovate e poi, soprattutto se il commento è articolato, è opportuno prepararlo prima di inserirlo.

  1. Che dire, oltre a quello che hai scritto tu.
    Questo dovrebbe essere una parte dello spirito che guida ogni politico (di qualsiasi schieramento democratico), ma un frammento del tuo pensiero mi ha colpito in modo particolare, perchè per me racchiude l’essenza del rapporto tra l’elettore e il candidato: … SCEGLIERE CON CHI IMPEGNARSI… e da lì al passo successivo con il patto Etico-Politico.
    SCEGLIERE CON CHI IMPEGNARSI… deve essere, prima di tutto, un’alleanza che deve essere fatta tra gli elettori in modo da mettere dei paletti fermi allo strapotere e al lassismo della classe politica, in modo da obbligarli, il più possibile, a scelte orientate verso il bene comune, senza altre scappatoie.
    SCEGLIERE CON CHI IMPEGNARSI… è per me oggi un vero dilemma, non trovo nessun schieramento che parli francamente di come mettere fine alla deriva della nostra Nazione.
    Grazie per il tuo contributo.
    Ciao. Danilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*