L’intelligenza del cuore (Don Colmegna)

Siamo  immersi dentro un’assordante e soffocante chiaccherare a cui la campagna elettorale in corso ci costringe e che rischia di condizionare soprattutto chi è più debole. Proprio questa mattina una persona che svolge il suo lavoro a contatto con la gente mi raccontava che parlando con un uomo ha potuto costatare quanto al solo pensiero di riavere indietro almeno i soldi dell’imu i suoi occhi si erano già illuminati e lui per non farlo cadere nell’assurda illusione ha cercato di spiegare che le cose non erano così semplici. Davanti a questo fatto non ho potuto non avvertire un lacerante interrogativo: si è arrivati davvero fino a questo punto pur di raccattare qualche voto in più?

Tornato a casa ho avuto modo di leggere una preziosa riflessione di Don Colmegna, presidente della Fondazione della Casa della Carità di Milano, la quale mi ha procurato un grandissimo beneficio perché vi ho trovato una preziosissima risposta proprio al disinvolto comportamento di certi politici, soprattutto da parte di qualcuno in particolare, che insistono nel parlare soltanto alla “pancia” dei cittadini/elettori.  Egli infatti mi ha permesso di comprendere con saggia lungimiranza quanto “… c’è bisogno di una buona politica che cresca alimentandosi con intelligenza, con il cuore e con un profondo spirito di servizio e disinteresse”.  

Vi confido che essa mi ha liberato da ogni frastuono e da quella impotenza che avvertivo dentro perchè ha saputo riempire la mente ed il cuore di quella pace tanto desiderata e finalmente ritrovata insieme ad una rinnovata forza di continuare più di prima a fare tutta la mia parte affinché ciò si realizzi: sì, l’Italia non può tornare indietro perchè sarebbe una tragedia spaventosa per tutti e per questo è urgentemente indispensabile che avvenga un deciso cambiamento della classe politica. Per attirare allora tutta la vostra attenzione sullo scritto, di cui vi riporto il link in modo che possiate leggerlo e così vi contagi positivamente, vi riporto di esso il primo paragrafo.

Mai come in questo periodo di campagna elettorale, fatta a colpi di polemiche con l’occhio ai sondaggi, si avverte quanto sia fragile questo impianto dal punto di vista culturale. La stessa proclamata capacità dei cosiddetti tecnici di parlare in un modo competente e freddo è completamente saltata. Si gioisce degli scandali che vengono a galla per cercare di guadagnarne in termini di consensi e si perde il senso originale che dà valore a una politica che sappia parlare al cuore delle persone. […]

http://colmegna.blogautore.repubblica.it/2013/02/01/l%e2%80%99intelligenza-del-cuore/

1 pensiero su “L’intelligenza del cuore (Don Colmegna)

  1. Eravamo convinti che la campagna elettorale avrebbe finalmente portato ad un confronto serio sul futuro del paese, ma non è così.
    Ci siamo ripiegati al gossip, allo scandalo, alle ormai di moda “proposte shock” e abbiamo completamente abbandonato le proposte serie, quelle che danno risposte ai problemi del Paese.
    C’è qualcuno che sta dicendo come ridurre il debito pubblico? Tutti dicono che bisogna alzare il PIL per abbassare il valore percentuale. Ma ci rendiamo conto che dobbiamo pure dire dove prendiamo i soldi per abbassare il debito in termini assoluti?

    Purtroppo qualcuno continuerà a spararne sempre più grosse, ma non con l’obiettivo di governare, bensì con il solo obiettivo di portare all’ingovernabilità. E mi dispiace che a tanti questo disegno vada bene!
    E’ un disegno che si rafforza dal momento che a giocarlo ci sono anche altre forze: Rivoluzione Civile e Movimento 5 Stelle. Tutte forze che non possono governare e che intendono portare solo instabilità.
    Ma bisogna dirlo ai cittadini: affidare il paese all’incertezza, vuol dire riportare la speculazione e a pagarne saranno sempre e solo i più poveri.
    Il paese ha bisogno di tornare a sperare, ma la speranza si costruisce sempre e solo con proposte concrete e al contempo lungimiranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*