Urge rinnovamento politico

Una cosa che vado imparando da questa campagna elettorale è l’assolta necessità di una decisa svolta politica: è tempo infatti di lasciare alle spalle obsoleti personalismi e tentare finalmente di incamminarci verso un rafforzamento del processo democratico dove i diversi soggetti interagiscano corresponsabilmente fra loro. Sì, adesso è indispensabile uscire da quel clima esasperatamente conflittuale che da troppo tempo tiene paralizzato il nostro Paese e in questo modo non lo rende credibile nemmeno a livello internazionale.

Questo significa perciò che è fondamentale mettere in atto un avvicendamento di chi dovrà governare il Paese, un ricambio che non va visto come qualcosa di traumatico ma molto più semplicemente favorire la logica di una sana alternanza, la quale non può che far bene a tutti in quanto chi si ferma può avere un tempo prezioso per purificare la propria azione e per altri l’opportunità di uscire dal ruolo di eccessiva quanto spesso sterile contrapposizione e metterci la faccia in prima persona.

Coloro che paventano che in questo modo si corra il rischio dell’ingovernabilità o di chissà quali derive dimostrano di avere una visione della politica troppo egoisticamente interessata e quindi a maggior ragione è bene che vengano aiutati a distaccarsi dal potere così da ritrovare i propri autentici valori di riferimento e rilanciare il partito indispensabile per elevare la qualità stessa della democrazia.

Occorre allora rendersi conto che serve urgentemente “una consapevolezza maggiore che bisogna raggiungere come cittadini del ruolo che dobbiamo svolgere per ricostruire il tessuto civico del Paese, partendo da un nuovo protagonismo e da una modalità di rapporto con le istituzioni, con tutto ciò che è pubblico, col politico, con i partiti che guardi davvero al bene comune”.

Ecco dunque qual è l’autentico obiettivo che è in gioco in queste elezioni: essere all’altezza di questa impegnativa ma improcrastinabile sfida democratica.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*