Per essere tessitori di fraternità

Roberto Baggio, campione di calcio e ambasciatore della Fao, nel recente Sanremo ha suggerito qualche importante consiglio ai giovani ricavandoli da cinque parole. Rileggendole mi è sembrato che esse, declinate nello specifico e alla luce del paradigma della fraternità, sono molto preziose anche per chi agisce in politica e per questo desidero offrirle in particolare a coloro che sono stati eletti in questa tornale elettorale: a livello nazionale come in quello regionale, che abbiano ricevuto il ruolo di maggioranza o quello di minoranza.  
La prima è passione.
La passione è il primo atteggiamento che deve caratterizzare chi agisce in politica proprio perché è un servizio a favore del bene comune, cioè al bene di tutti e di ciascuno, e quindi solo un impegno davvero appassionato porterà a prendersi a cuore i problemi dei cittadini a partire dagli ultimi. La passione poi, per sua natura, è contagiosa e quindi capace di attrarre anche gli altri a offrire positivamente il proprio contributo.   
La seconda è gioia.
La politica se è vissuta con passione rende “liberi” in quanto non ricerca il proprio tornaconto ma il bene dei cittadini e ciò di conseguenza fa sperimentare la gioia: non è forse proprio essa ciò di cui più si avverte la mancanza in coloro che agiscono in politica?
La terza è coraggio.
L’azione politica richiede un continuo atto di coraggio in quanto è indispensabile rimanere sempre coerenti con i propri valori di riferimento e quindi spesso bisogna resistere alle pressioni di chi cerca di manipolare le coscienze per trarne un vantaggio personale o di gruppo.
La quarta è successo.
Nello spirito finora evidenziato per successo si intende il riuscire a realizzare quanto viene proposto in campagna elettorale ed esso è ancora maggiore se raggiunto con il più ampio coinvolgimento possibile: per poter trovare infatti le soluzioni più opportune e fare in modo che esse vengano davvero attuate efficacemente è proprio necessario il concorso di tutti, cittadini compresi.
La quinta è sacrificio.
Nel suo significato più profondo esso va inteso come la capacità di vedere e vivere le disunità, i problemi, i fallimenti, non come un male ineluttabile, ma come una situazione di sofferenza che amata può essere trasformata in un bene più grande e questo in quanto vivere la fraternità come principio politico esige di stare dentro le divisioni senza disperare, ma cercando di cogliere ogni occasione per costruire l’unità con tutti e ciò richiede indispensabilmente la disponibilità al sacrificio. Quest’ultimo aspetto è davvero essenziale perché è quello che permette di attuare pienamente gli altri quattro che sono stati indicati.

Non sta forse anche in questo il modo per essere tessitori di fraternità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*