Opporre ai segni del potere il potere dei segni

Vedendo la corsa ai primi posti, reagisce opponendo a quella ricerca di potere un gesto eloquente e creativo: Quando sei invitato va a metterti all’ultimo posto. Ma non per umiltà, non per modestia, ma per creare fraternità, per dire all’altro: prima tu e dopo io; tu sei più importante di me; vado all’ultimo posto non perché io non valgo niente, ma perché tu, fratello, sia servito per primo e meglio. L’ultimo posto non è una condanna, è il posto di Dio, venuto per servire e non per essere servito. La pedagogia di Gesù è «opporre ai segni del potere il potere dei segni» (Tonino Bello), segni che tutti capiscono, che parlano al cuore. All’ultimo posto non per umiltà ma per rovesciare, per invertire la scala di valori su cui poggia la nostra convivenza e per delineare un altro modo di abitare la terra.

E poi, rivolto a colui che l’aveva invitato, aggiunge: Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici, né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini. Sono i legami normali che garantiscono l’eterno equilibrio del dare e dell’avere, la difesa dei tuoi beni e gli interessi del tuo gruppo; sono i legami che tengono insieme un mondo che si difende e si protegge, che segue la legge un po’ gretta del baratto, e che non crea inclusione.

Ma c’è, alla periferia del tuo, un altro mondo, e ti riguarda: Quando offri una cena invita poveri, storpi, zoppi, ciechi. Accogli quelli che nessuno accoglie, crea comunione con chi è escluso dalla comunione, dona senza contraccambio, dona in perdita a coloro che davvero hanno bisogno e non possono restituire niente. Gesù ha un sogno: un mondo dove nessuno è escluso, una città da costruire partendo dalle periferie, dagli ultimi della fila, dagli uomini del pane amaro.

«E sarai beato perché non hanno da ricambiarti». Sarai beato, troverai la gioia e il senso pieno del vivere nel fare le cose non per interesse, ma per generosità. È la legge della vita: per star bene l’uomo deve dare, amando per primo, in perdita, senza contraccambio. Sarai beato: perché Dio regala gioia a chi produce amore. (Ermes Ronchi)

I nostri politici sapranno fare propria questa sapiente e feconda lezione di umiltà, cioè mettersi sotto tutti così da sperimentare quella gioia che viene donata a chi produce amore?

 

* L’aggiornamento del blog in via sperimentale avverrà il Lunedì, Mercoledì e Sabato.

2 pensieri su “Opporre ai segni del potere il potere dei segni

  1. Pur dovendo richiamare in continuazione i nostri politici ad essere umili, ritengo che questo messaggio debba arrivare alle nuove generazioni di politici, perché è lì che si gioca e si giocherà la credibilità di una classe dirigente.

Rispondi a Pinuccio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*