Se viviamo il comandamento nuovo abbiamo fatto tutto

Chiara Lubich“Rinnoviamo, perfezioniamo, ceselliamo l’amore reciproco. E diamogli la misura della vita. Di fronte ad ogni fratello diciamo nel nostro cuore queste parole: ‘Anche la vita’, a significare: sono pronto ad amarti così. Nessuno, del resto, ha maggior carità di chi dà la vita”.

“Occorre ricordarsi di ravvivare continuamente il fuoco, di tornare e ritornare vivi all’amore. Sì, perché a Dio i tiepidi non piacciono per nulla. Dice la Scrittura: ‘… non sei né freddo, né caldo; oh se tu fossi freddo o caldo!… poiché sei tiepido, cioè né caldo, né freddo, io sono pronto a vomitarti dalla mia bocca’. E ciò è terribile. Ciò dice l’urgenza di tornare sempre ad essere caldi, ad una carità veramente fervente”.

“Quello che più sento nel mio cuore… è la carità. Non so esprimere come è, quanto la sento. Ho una voglia matta di amare tutti… sento che fatto questo, è fatto tutto. (…) Se viviamo il comandamento nuovo abbiamo fatto tutto, perché tutto viene di conseguenza.  Questa è la nostra vocazione: perfetti nella carità ”.

Chiara Lubich

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*