Non disperderci nelle “molte cose”

Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno”  (Lc 10, 41-42). È questa la nuova Parola di Vita che ci accompagnerà per il mese di Giugno che inizierà lunedì di cui, come sono consueto fare, evidenzio qualcosa del commento di Fabio Ciardi.

Non capita anche a noi di… 

Non capita anche a noi a volte di disperderci nelle mille cose da fare? Siamo attratti e distratti da internet, dalle chat, dagli inutili sms. Anche quando sono gli impegni seri ad occuparci essi possono farci dimenticare di rimanere attenti agli altri, di ascoltare le persone che ci sono vicine. Il pericolo è soprattutto perdere di vista perché e per chi lavoriamo. Il lavoro e le altre occupazioni diventano fine a se stessi. Oppure siamo presi dall’ansia e dall’agitazione davanti a situazioni e problemi difficili che riguardano la famiglia, l’economia, la carriera, la scuola, il futuro nostro o dei figli… (…)

Mossi soltanto dall’amore   

Non (essere) guidati dal desiderio di metterci in mostra o di primeggiare, ma… di essere al servizio… anche noi siamo chiamati a fare “molte cose” per il bene degli altri. (Attendere con) dedizione, passione (il) lavoro che ci è dato da compiere, (e anche con) inventiva, audacia, intraprendenza. Ma senza affanno e agitazione, con quella pace… La sola cosa che importa è… essere attenti ai suggerimenti, alla voce sottile (dentro di noi) che ci orienta momento per momento… (e ci guida) in ogni nostra azione.              (Allora) Nel compiere le “molte cose” non saremo distratti e dispersi perché… saremo mossi soltanto dall’amore: in tutte le cose faremo sempre una cosa sola: amare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*