3° Il cuore è il luogo della lotta invisibile (Prima parte)

Papa Francesco, continuando ancora il capitolo ‘L’unità prevale sul conflitto’ aggiunge:  “ …il primo ambito in cui siamo chiamati a conquistare questa pacificazione nelle differenze è la propria interiorità, la propria vita, sempre minacciata dalla dispersione dialettica. Con cuori spezzati in mille frammenti sarà difficile costruire un’autentica pace sociale”. È di tale importanza quanto egli scrive che merita davvero di essere ripreso e approfondito soprattutto per cercare di comprendere un aspetto fondamentale e cioè perchè il cuore è il luogo della lotta invisibile. Al riguardo è molto efficace, anche se riportata in sintesi, questa autorevole riflessione.                                                         Quando nel nostro contesto socio- culturale si parla di cuore, si allude innanzitutto alla vita affettiva, alle emozioni, ai sentimenti che hanno nel cuore la loro sede: «Il nostro cuore ama o odia, il nostro cuore è tenero o è chiuso, il nostro cuore accoglie o respinge», siamo soliti dire. Nel linguaggio biblico, invece, il cuore ha un significato molto più esteso perché designa tutta la persona nell’unità della sua coscienza, della sua intelligenza, della sua libertà; il cuore è la sede e il principio della vita psichica profonda, indica l’interiorità dell’uomo, la sua intimità ma anche la sua capacità di pensiero; il cuore è la sede della memoria, è il centro delle operazioni, delle scelte e dei progetti dell’uomo. In una parola, il cuore è l’organo che meglio rappresenta la vita umana nella sua totalità. Antoine de Saint-Exupéry ha scritto: «Non si vede bene che col cuore».
Dobbiamo allora diventare consapevoli che nel nostro cuore ogni giorno avviene una lotta: siamo chiamati a scegliere se accogliere e far fruttificare… (quanto di bene esso ci suggerisce), oppure lasciarci dominare a poco a poco, fino a lasciarci vincere senza più opporre resistenza, dalla sclerocardìa, quell’insensibilità… agli altri che ci fa vivere ripiegati su noi stessi. E’ facile, allora, comprendere come il cuore divenga la sede della volontà, delle decisioni e dell’etica. «Il cuore dell’uomo determina la sua vita» (Libro dei Proverbi 16, 9).

Continua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*