Un impegno culturale che ci vede tutti convocati

Nel precedente post si è posto l’accento sulla questione culturale evidenziando anche che oggi essa diventa ancora molto più importante rispetto a quando Antonio M. B. la evidenziò nel 2005. A conferma di quanto ciò sia vero lo dimostra autorevolmente la recente e molto interessante riflessione del prof. Leonardo Becchetti, pubblicata su Avvenire domenica 9 settembre 2018, che per la sua grande chiarezza merita di essere letta davvero con molta attenzione.                                                                                    In particolare egli, riguardo a dove ripartire per risollevare la difficile situazione che sta attraversando l’Italia, conclude argutamente il suo importante intervento proprio con questa impegnativa indicazione: “È una missione che passa necessariamente per il cambiamento della ‘narrativa’ nel Paese, un impegno culturale prima che politico, difficile ma affascinante. E che ci vede tutti convocati”.                                               Non può sfuggire che ciò è molto esigente in quanto l’impegno culturale non ha a che fare con l’improvvisazione né con l’approssimazione proprio perché esso è un processo che richiede tempo e tanta lungimiranza, ma è indispensabile ripensare il modo stesso di stare insieme altrimenti non si risolveranno mai del tutto i vecchi problemi di conflittualità, di corruzione, di interessi particolari a discapito del bene comune, di scarsa partecipazione dei cittadini alla cosa pubblica.                                                        È dunque essenziale sentirci tutti convocati nell’affrontare questa difficile ma affascinate avventura e fare ciò con grande slancio e molta perseveranza. Ci sia allora di grande sostegno ricordare ancora quanto ha affermato Benedetto XVI: «Il mondo attuale, in particolare quello politico, necessita del supporto di un nuovo pensiero, di una nuova sintesi culturale, per superare tecnicismi ed armonizzare le molteplici tendenze politiche in vista del bene comune».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*